Novembre, 2020

Ordinamento

Nessun Evento

Benvenuti sul sito di Arci Firenze

Zonas de Reserva Campesina, un’iniziativa agraria per la Pace con giustizia sociale

Durante le ultime decadi i governi colombiani hanno portato avanti una serie di politiche economiche di stampo estrattivista, favorendo le imprese multinazionali e i potentati economici regionali. Questo modello di sviluppo accentua fortemente le profonde disuguaglianze sociali e l’alta concentrazione della terra, agevolando i processi di espropriazione e sfollamento forzato a danno dei piccoli proprietari terrieri. Le comunità più colpite sono i contadini, la popolazione afrocolombiana e gli indigeni. Nonostante ciò, questi settori della popolazione mantengono un livello di auto-organizzazione molto importante e implementano strategie di resistenza attraverso l’autogestione del territorio. Tra le strategie di sviluppo alternative che vengono portate avanti dal mondo rurale colombiano ha particolare importanza la promozione delle Zonas de Reserva Campesina (ZRC). La ZRC è una figura giuridica regolamentata dalla Ley 160 del 1994 della Repubblica della Colombia con la quale si stabilisce che alcuni territori siano a totale gestione contadina e sottoposti a forme di proprietà collettiva e ad un governo democratico e partecipativo. Questi processi sono riusciti a garantire la sopravvivenza di intere comunità rurali attraverso l’autogestione, l’autoregolamentazione e il lavoro collettivo.

ARCI Firenze sostiene questi processi contadini democratici e partecipativi attraverso il progetto “Zonas de Reserva Campesina, un’iniziativa agraria per la Pace con giustizia sociale”.

Luogo e anno:

Colombia. Anno 2017.

Obiettivo:

L’obiettivo generale del progetto è consolidare le Zonas de Reserva Campesina come strumento per la costruzione della Pace nelle zone rurali e come spazio di riconoscimento politico del mondo contadino attraverso un percorso formativo e partecipativo nazionale che porti alla presentazione di almeno due nuove domande di costituzione di 2 nuove Zonas de Reserva Campesina.

I/Le beneficiari/e diretti/e del progetto saranno gli/le 180 partecipanti alle attività formative che saranno capacitati nella gestione delle ZRC e nella legislazione che le regolamenta. I/Le beneficiari/e indiretti/e del progetto saranno tutti gli abitanti delle aspiranti ZRC che sono 4.687.372.

Risultati attesi:

R1: Le comunità contadine delle zona interessate dal progetto riconoscono il loro territorio come ZRC.
R2: Almeno 2 domande di riconoscimento di 2 nuove ZRC presentate alle autorità statali.
Il progetto si articolerà in due fasi principali: la prima sarà una fase informativa e di sensibilizzazione delle comunità rurali interessate attraverso eventi pubblici; nella seconda fase si passerà alla formazione specifica dei/lle delegati/e delle comunità contadine e alla redazione delle domande di riconoscimento legale di ZRC alle autorità statali.
Le attività principali del progetto saranno:
A1: 6 eventi pubblici di sensibilizzazione e promozione dei diritti delle comunità contadine.
A2: Implementazione di 10 workshop di formazione sulla gestione delle ZRC e sulla redazione di richieste di formalizzazione delle ZRC.

Partner:

Zonas de Reserva Campesina, un’iniziativa agraria per la Pace con giustizia sociale”, progetto promosso da ARCI Firenze, cofinanziato dal Fondo Otto per Mille della Chiesa Valdese (Unione delle Chiese metodiste e valdesi).
Le attività saranno realizzate in partenariato con ANZORC (Asociación Nacional de Zonas de Reserva Campesina).

X