Settembre, 2020

Ordinamento

3Set - 27Set 319:00Set 27Sagra del tartufo. 36esima edizioneAl Girone torna il più atteso appuntamento col tartufo Circolo RIcreativo Culturale Il GironeEvento organizzato da: Circolo Ricreativo Culturale Il Girone

24Set - 27Set 2419:00Set 27Sagra della paella 2020Festa sociale al Circolo di SieciCircolo Culturale Ricreativo Primo MaggioEvento organizzato da: Circolo Culturale Ricreativo Primo Maggio

26Set - 27Set 269:30Set 27Il ritratto fotograficoAlla Casa del popolo di Greve un workshop introduttivo al ritratto fotograficoCasa del Popolo di Greve in ChiantiEvento organizzato da: Casa del Popolo di Greve in Chianti

29Set20:30- 23:00Viaggio spensierato tra vini Italiani // Ciclo Degustazioni 2020Al circolo Antella proseguono le degustazioniAntella CRCEvento organizzato da: Antella CRC

Benvenuti sul sito di Arci Firenze

Donne organizzate per la costruzione di una società della pace (docp)

Nel 2012, dopo più di mezzo secolo di conflitto armato, hanno preso avvio a La Habana i negoziati per la soluzione politica della guerra tra il governo colombiano e le FARC – EP, la principale guerriglia del Paese.
In questo contesto la società civile colombiana sta sostenendo il processo di Pace cercando di orientarlo verso una maggiore partecipazione cittadina, un ampliamento della democrazia partecipativa e un rafforzamento dello stato di Diritto.
Ma in vaste zone del Paese il conflitto armato prosegue quotidianamente e la società civile si trova continuamente in pericolo per le minacce della guerra, per le azioni criminali dei gruppi che vogliono ostacolare l’impegno sociale della cittadinanza, per la scarsa fiducia reciproca con le autorità locali e per l’insufficiente conoscenza dei metodi per sviluppare una partecipazione democratica efficace. Queste difficoltà sono ancora più evidenti per la parte femminile della società Colombia, si calcola che le donne rappresentano almeno il 70% delle vittime del conflitto armato (CODHES) e subiscono violenze e discriminazioni sia in ambito privato sia sociale.
Il progetto “Donne organizzate per la costruzione di una società della Pace (DOCP)” vuole sostenere e consolidare il processo di Pace attraverso una maggiore partecipazione femminile al governo dei territori.
Le attività si svilupperanno seguendo due linee d’intervento complementari per il raggiungimento degli obiettivi: una prima linea formativa e una di partecipazione attiva alle politiche pubbliche dei territori. Le azioni si svolgeranno in quattro territori dove la guerra colombiana è particolarmente intensa: Chocò, Cauca, Valle del Cauca e Sucre. Oltre alle attività sul campo, all’interno del progetto saranno promossi: un percorso di Solidarietà Internazionale e scambio di esperienze comunitarie tra la società civile italiana e le beneficiarie del progetto, un Seminario internazionale su negoziati di Pace e costruzione di società di diritto in contesti di post conflitto e una mostra fotografica itinerante sul progetto.

Luogo e anno:

Colombia – dipartimenti di Chocò, Cauca, Valle del Cauca e Sucre; anni 2014-2017

Obiettivo:

Consolidare il protagonismo delle donne nella costruzione della pace attraverso il rafforzamento del dialogo tra lo Stato e le organizzazioni delle donne nei dipartimenti di Chocò, Cauca, Valle del Cauca e Sucre.

Risultati attesi:

1. Organizzazioni di donne rafforzate nella rivendicazione dei propri diritti e nella capacità di creare una cultura di pace;
2. Rafforzato il dialogo tra le autorità statali e le organizzazioni di donne;
3. Realizzato un percorso di scambi di esperienze e buone pratiche sulla costruzione di una società democratica, inclusiva e di diritto in contesti di post conflitto.

Partner:

Il progetto “Donne organizzate per la costruzione di una società della Pace (DOCP)” è promosso da ARCI Firenze, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale – DGCS, ARCS – ARCI Culture Solidali(capofila), Corporación Viva la Ciudadanía, Vice Presidenza della Repubblica della Colombia – Programa Presidencia de derechos humanos y derecho internacional humanitario, Dipartimento del Cauca e Comune di Firenze.

X