Benvenuti sul sito di Arci Firenze
 

Concluso il Congresso ARCI Firenze. Forconi riconfermato presidente

Eletto il nuovo consiglio direttivo dell’Associazione, composto da 55 membri.

Domenica 22 aprile 2018. Il congresso di ARCI Firenze alla Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia, aperto venerdì 20 aprile, si è concluso oggi con la nomina dei 55 componenti del consiglio direttivo territoriale: 19 donne e 36 uomini, con un’età media decisamente più bassa rispetto al Consiglio precedente. Alcune conferme e molti nomi nuovi, soprattutto di giovani dirigenti di circoli e associazioni nate di recente o rigenerate.

Riconfermato con l’unanimità dei voti dei delegati e delle delegate al Congresso ARCI di Firenze, il presidente uscente del Comitato, Jacopo Forconi il cui impegno è quello, dichiarato a chiusura dell’Assemblea “di continuare sull’onda del rinnovamento e del coinvolgimento di nuovi soggetti associativi e dirigenti, per tutelare il patrimonio dell’Arci che è un patrimonio storico, che viene da lontanissimo e proprio per questo ha bisogno di idee e proposte nuove, che possano rigenerarlo. È una sfida enorme e continua, perché in realtà intervengono continuamente cambiamenti nel mondo e nella società ed è chiaro che l’ARCI deve essere all’avanguardia, un passo avanti nelle proposte, nell’elaborazione e nella trasformazione dei valori presenti nei nostri statuti in attività concrete, iniziative ed eventi”.

Un congresso che ha valutato positivamente i documenti congressuali dei livelli territoriale, regionale e nazionale e che ha portato alla definizione di 11 ordini del giorno che impegnano direttamente il Comitato o che saranno portati ai successivi Congressi Regionale e Nazionale su molti temi, dal restituire ai circoli il loro ruolo di centri di integrazione, rilanciare le iniziative per la pace, intensificare il contrasto alle ludopatie e al gioco d’azzardo, promuovere la cura dei beni comuni e incentivare le iniziative di formazione, rilanciare una comunicazione identitaria a ogni livello e promuovere la difesa del territorio.