Settembre, 2020

Ordinamento

3Set - 27Set 319:00Set 27Sagra del tartufo. 36esima edizioneAl Girone torna il più atteso appuntamento col tartufo Circolo RIcreativo Culturale Il GironeEvento organizzato da: Circolo Ricreativo Culturale Il Girone

24Set - 27Set 2419:00Set 27Sagra della paella 2020Festa sociale al Circolo di SieciCircolo Culturale Ricreativo Primo MaggioEvento organizzato da: Circolo Culturale Ricreativo Primo Maggio

26Set - 27Set 269:30Set 27Il ritratto fotograficoAlla Casa del popolo di Greve un workshop introduttivo al ritratto fotograficoCasa del Popolo di Greve in ChiantiEvento organizzato da: Casa del Popolo di Greve in Chianti

29Set20:30- 23:00Viaggio spensierato tra vini Italiani // Ciclo Degustazioni 2020Al circolo Antella proseguono le degustazioniAntella CRCEvento organizzato da: Antella CRC

Benvenuti sul sito di Arci Firenze
 

Padule #NoSlot: il Circolo ARCI di Sesto Fiorentino festeggia l’eliminazione delle macchinette

In una iniziativa aperta, giovedì 9 febbraio, il Circolo ha inaugurato i nuovi spazi liberi dalle macchiette mangiasoldi e ha presentato le nuove attività culturali.

Un incontro con i soci, i cittadini di Sesto e le Istituzioni per festeggiare un grande traguardo: dal Circolo ARCI Padule, a Sesto Fiorentino, sono state eliminate le slot. Una decisione che il Consiglio direttivo, insediatosi un anno e mezzo fa, si è assunto come priorità e che finalmente è riuscito a portare a compimento.
Come spiega Piero Landi, presidente del Circolo ARCI Padule, si tratta di una scelta morale ed etica: “Il Circolo è nato ed esiste allo scopo di portare avanti un’attività socio-culturale e le slot non hanno niente a che vedere con questo tipo di finalità, anzi, tutt’altro. Per questo, il nuovo Consiglio, lo scorso 31 dicembre ha deciso di spegnere le macchinette, proprio allo scoccare della mezzanotte, come segno di buon auspicio per l’anno nuovo”.

Circa cinquanta le persone presenti, in una serata che segna il nuovo corso del Circolo: la dismissione delle slot è andata di pari passo con la costruzione di nuove attività culturali, come quelle del ciclo “Un tuffo nell’arte” che porta i soci alla scoperta dei musei fiorentini e organizza periodici incontri nei locali del Circolo, sulla vita e le opere dei grandi pittori, scultori, artisti; oppure lo “Sportello del libero Scambio”, presso cui i soci possono prendere in prestito e scambiarsi gratuitamente libri, fino all’allestimento di mostre fotografiche all’interno del Circolo.
Ci sono poi le “cene di classe”, iniziativa con cui il Circolo Padule destina il 10% dell’incasso delle cene dei gruppi scolastici per l’acquisto di materiale didattico; le cene di beneficienza per le altre associazioni del territorio, le cene di autofinanziamento e i corsi.
Abbiamo voluto sostituire l’ingombrante presenza delle slot con attività che riportino le famiglie della zona a frequentare i nostri locali – ha detto inaugurando la serata il presidente de Circolo, Piero Landi – perché proponiamo attività interessanti ed educative, in cui mettiamo al centro la solidarietà, la cultura e il tempo libero. Vogliamo che il nostro Circolo torni a essere il luogo in cui ci si incontra e confronta, luogo aperto e in cui ci si apre al prossimo e che riesca a diventare il cuore della rinascita di questa zona, troppo spesso etichettata come ‘difficile’ e che invece noi vogliamo impegnarci a rendere vivibile e accessibile”.

Presente all’iniziativa anche il Presidente di ARCI Firenze Jacopo Forconi, soddisfatto per l’obiettivo raggiunto dal Circolo: “Per ARCI Firenze l’eliminazione delle macchinette dai Circoli è un atto necessario, che cerchiamo di incentivare e sostenere in ogni modo, nella consapevolezza però che, per eliminare il problema, serve un impegno ben più profondo, di tutta la società e della politica, per questo non possiamo che essere soddisfatti della presenza dell’Amministrazione. Il nostro Comitato è impegnato in una campagna di dismissione delle macchinette dai nostri circoli da anni: con seminari, incontri e iniziative sia di sensibilizzazione sia di sostegno a quanti decidano di disfarsene. È un percorso lungo e faticoso perché, come abbiamo sottolineato più volte, molti gestori riescono, grazie a cavilli e clausole vessatorie, a ingabbiare i Circoli in veri e propri percorsi a ostacoli che possono durare anni. Nonostante queste difficoltà, però, sono diversi i Circoli che hanno intrapreso la via della dismissione delle slot e il Circolo Padule, che pur si trova in un contesto particolare, è tra quelli che hanno avuto la forza di operare questa scelta, che è una scelta prima di tutto politica.”

All’evento anche l’assessore alle politiche sociali del Comune di Sesto Fiorentino, Camilla Sanquerin che ha sottolineato come la decisione del Circolo ARCI Padule sia “incoraggiante anche per l’Amministrazione. Quello della dipendenza dal gioco d’azzardo e della diffusione delle slot è un problema che la nostra Giunta tiene in grande considerazione, tanto che siamo impegnati in prima fila, con l’Anci, per la stesura di un regolamento omogeneo a livello regionale, che regoli gli orari di slot e sale gioco. Siamo consapevoli che questo tema è, purtroppo, ormai intergenerazionale e che la crisi economica, con la conseguente incertezza che pesa su molti cittadini e con le nuove marginalità che crea, rappresenta un terreno fertile per la diffusione della dipendenza da gioco, tanto che rischiamo che davvero diventi un problema sociale molto allarmante”. L’assessore ha ricordato anche lo stanziamento da parte della Regione Toscana, di risorse da destinare alla prevenzione e il progetto presentato dalla Società della Salute Nord Ovest per costruire una rete di prevenzione e monitoraggio che coinvolga le Istituzioni (scuole, Amministrazioni) gli operatori economici e le realtà come quelle dei Circoli, perché, ha concluso, “solo con il capillare lavoro coordinato di tutti questi soggetti possiamo contrastare questa piaga sociale”.

Guarda il servizio del TGR Toscana.

X