Luglio, 2020

Ordinamento

9Lug - 2AgoLug 919:30Ago 2Festa de l'Unità | 67esima edizioneLa Casa del Popolo di Fiesole e la sua storica festaArea verde di MontececeriEvento organizzato da: Casa del Popolo di Fiesole

20Lug - 26Lug 2018:00Lug 26Instabile // Programma settimanaleLa settimana dello spazio estivo in collaborazione con il circolo La LoggettaArea festa Via della FungaEvento organizzato da: Circolo Ricreativo La Loggetta

23Lug - 26Lug 2319:00Lug 26Sagra del pesce 2020Festa sociale al Circolo di SieciCircolo Culturale Ricreativo Primo MaggioEvento organizzato da: Circolo Culturale Ricreativo Primo Maggio

23Lug - 26Lug 2319:30Lug 26Finger Food FestivalCibo di strada in festa alla Casa del Popolo di FiesoleCasa del Popolo di FiesoleEvento organizzato da: Casa del Popolo di Fiesole

24Lug - 26Lug 2418:00Lug 26ChiringuitoMusica, cinema, arte, cocktail, pizza alla Casa del Popolo di BarberinoCircolo ARCI Barberino di MugelloEvento organizzato da: Circolo ARCI Barberino di Mugello

24Lug - 26Lug 2419:30Lug 26Sagra della Bistecca con Fungo PorcinoBuona cucina al circolo di PozzolaticoCircolo Ricreativo Culturale PozzolaticoEvento organizzato da: Circolo Ricreativo Culturale Pozzolatico

25Lug13:00Pastasciuttata AntifascistaA San Giusto in ricordo dei Fratelli CerciCircolo Arci San GiustoEvento organizzato da: Circolo Arci San Giusto

25Lug19:30Pastasciuttata antifascistaCena e spettacolo a Barberino in ricordo dei fratelli CerviCircolo ARCI Barberino di MugelloEvento organizzato da: Circolo ARCI Barberino di Mugello

25Lug19:30Drive The SunRock granitico nello spazio esterno di ExfilaExfila | CirkolocoEvento organizzato da: Bottega del Tempo

25Lug20:30Amici miei atto II // Gustose visioniAlla Casa del Popolo di San Quirico tornano le zingarate di MonicelliCasa del Popolo Fratelli TaddeiEvento organizzato da: Cinema San Quirico

25Lug20:30Miro Sassolini. Dalla new wave a domaniUna delle voci storiche della new wave italiana si racconta a ColonnataUnione Operaia di ColonnataEvento organizzato da: Unione Operaia di Colonnata

25Lug20:30Spaghettata antifascistaUna grande pastasciutta per ricordare la grande festa di casa CerviCircolo Arci "La Costituzione" Quinto BassoEvento organizzato da: Circolo Arci "La Costituzione" Quinto Basso

26Lug18:00Ho visto Fidel che indossava una tuta azzurro elettricoAlla Casa del Popolo di Montebeni il finissage della mostra fotografica di Lucia BaldiniCasa del Popolo La Montanina di MontebeniEvento organizzato da: Casa del Popolo La Montanina di Montebeni

26Lug20:30Amici miei atto II // Gustose visioniAlla Casa del Popolo di San Quirico tornano le zingarate di MonicelliCasa del Popolo Fratelli TaddeiEvento organizzato da: Cinema San Quirico

26Lug21:30Cent'anni fa in Toscana // Teatro di TripetetoloCabaret popolare al Circolo di TripetetoloCircolo Arci "Le Due Strade" TripetetoloEvento organizzato da: Circolo Arci "Le Due Strade" Tripetetolo

28Lug19:30E... state con EmergencyAl circolo di Compiobbi serata a sostegno del progetto covid-19 di EmergencyCircolo La PaceEvento organizzato da: Circolo La Pace

30Lug - 2AgoLug 3019:00Ago 2Sagra del pesce 2020Festa sociale al Circolo di SieciCircolo Culturale Ricreativo Primo MaggioEvento organizzato da: Circolo Culturale Ricreativo Primo Maggio

31Lug - 2AgoLug 3118:00Ago 2ChiringuitoMusica, cinema, arte, cocktail, pizza alla Casa del Popolo di BarberinoCircolo ARCI Barberino di MugelloEvento organizzato da: Circolo ARCI Barberino di Mugello

31Lug - 2AgoLug 3119:30Ago 2Sagra della Bistecca con Fungo PorcinoBuona cucina al circolo di PozzolaticoCircolo Ricreativo Culturale PozzolaticoEvento organizzato da: Circolo Ricreativo Culturale Pozzolatico

31Lug19:30Gold Mass // Montauto NightsAl castello di Montauto il cantautorato elettronico di Emanuela LigaròCastello di MontautoEvento organizzato da: La Chute

Benvenuti sul sito di Arci Firenze
 

Il decreto Salvini apre una pagina nera per la democrazia

Il comunicato di ARCI nazionale in merito all’approvazione del decreto che unifica i provvedimenti su immigrazione e sicurezza.

Una pagina nera per la nostra democrazia, che avrà conseguenze negative anche per le amministrazioni locali

Il Consiglio dei Ministri ha approvato all’unanimità il testo che ha unificato i due provvedimenti su immigrazione e sicurezza. Già ci sarebbe molto da dire sull’abbinamento sicurezza-migranti che lascia intendere come questi ultimi siano comunque considerati dal governo un problema di ordine pubblico. E coerentemente con questa convinzione, il decreto riduce drasticamente i diritti di chi chiede o ha ottenuto protezione, eliminando di fatto quella umanitaria ed elencando una serie di condizioni che possono portare alla revoca dell’asilo e della cittadinanza.

Fortemente ridimensionato risulta poi il sistema d’accoglienza Sprar, l’unico che abbia garantito una gestione trasparente e  l’integrazione degli stranieri ospitati,  innanzitutto nella comunità in cui è situato il centro.

Con questo decreto gli Sprar potrebbero essere aperti solo a minori e a titolari di permesso di soggiorno, riducendone drasticamente l’efficacia e il numero di accolti.

Si preferisce puntare sui grandi centri e sulla gestione privata affidata alle gare d’appalto delle Prefetture e non dei Comuni. Centri che già hanno dato risultati pessimi sul piano della trasparenza, dell’integrazione e del rispetto dei diritti e della dignità dei migranti accolti, oltre che sull’impatto sulle comunità e sui territori. Viene riproposto l’allungamento a 180 giorni dei tempi della detenzione amministrativa, nonostante ne sia già stata dimostrata l’inefficacia per i fini che si propone.

Un elenco di provvedimenti che nella pratica cancellano molto delle iniziative positive e sostenibili che sono state messe in piedi i questi anni e che hanno visto protagonisti i sindaci e le comunità locali.

Il profilo di illegittimità è palese. La contrarietà ai principi della nostra Costituzione è evidente. Le persone in cerca di protezione continueranno ad arrivare: i conflitti proliferano e i profughi ne sono una diretta conseguenza. L’attuale instabilità in Libia ne è un’ulteriore prova.

L’ARCI esprime la sua netta contrarietà agli interventi previsti nel Decreto Legge.

Si appella al Presidente della Repubblica, massimo garante del rispetto dei principi costituzionali, affinché non firmi un simile provvedimento.

Chiama alla mobilitazione per ribadire la necessità di rafforzare il diritto d’asilo in Italia, non di cancellarlo, e di sostenere i percorsi di inclusione sociale garantiti dalla rete d’accoglienza Sprar e non di abolire ogni buona prassi favorendo la ghettizzazione dei richiedenti asilo, il business di soggetti incompetenti e la corruzione che ne deriva.

 

X