Luglio, 2021

Benvenuti sul sito di Arci Firenze
 

Arci Firenze lancia la campagna “Salva i Circoli! Fai la tua parte”

 

𝗨𝗡𝗔 𝗦𝗧𝗢𝗥𝗜𝗔 𝗗𝗜 𝗖𝗨𝗟𝗧𝗨𝗥𝗔 𝗘 𝗦𝗢𝗟𝗜𝗗𝗔𝗥𝗜𝗘𝗧𝗔’

I Circoli e le Case del Popolo stanno affrontando uno dei momenti più difficili della loro storia. Molti di loro hanno una vita ultracentenaria, hanno affrontato larga parte della storia del nostro Paese, hanno resistito e combattuto il fascismo, hanno formato intere generazioni di donne e uomini, hanno costruito cultura, socialità e democrazia sul territorio, sono state palestre di vita, ricreazione e comunità per moltissim* di noi. E lo hanno fatto seguendo sempre i principi cardine dell’emancipazione e della democrazia dal basso.

Il tessuto dei Circoli Arci sul territorio fiorentino è il più diffuso e radicato di tutta Italia, con ben 240 associazioni e 40’000 soci/e, ed è uno dei segni pi+ importanti e riconoscibili della nostra terra. Secondo un recente sondaggio del Cesvot il ruolo svolto dai Circoli è ritenuto importante dal 57% dei residenti in Toscana e “fondamentale e insostituibile” per il 22,0% degli intervistati.

Guarda qui il video ufficiale della campagna: SALVA I CIRCOLI. FAI LA TUA PARTE

 

𝗜 𝗣𝗥𝗜𝗠𝗜 𝗔 𝗖𝗛𝗜𝗨𝗗𝗘𝗥𝗘, 𝗚𝗟𝗜 𝗨𝗟𝗧𝗜𝗠𝗜 𝗔 𝗥𝗜𝗔𝗣𝗥𝗜𝗥𝗘

Da oltre un anno i Circoli Arci sono chiusi, eccetto poche settimane estive in cui abbiamo potuto tenere aperte le porte ai nostri soci e le nostre socie, seguendo tutte le regole sul distanziamento. Solo durante i primi due mesi della pandemia si sono perse oltre 2.000 iniziative, corsi, spettacoli, concerti e dibattiti che erano organizzate nei nostri Circoli. Le nostre attività culturali e ricreative sono ferme, le minime entrate concesse con l’asporto non bastano a coprire le spese e oltre 230 dei nostri dipendenti sono in cassa integrazione. Nonostante ci siamo adeguati per operare nel completo rispetto di tutte le normative anti-contagio, viviamo da mesi delle insopportabili discriminazioni di trattamento rispetto agli esercizi commerciali e, tra qualche settimana, anche rispetto alla programmazione culturale dei Teatri e dei Cinema.

Nonostante tutte le difficoltà della pandemia, nel corso di tutto questo anno di lockdown molte delle nostre Case del Popolo si sono rese protagoniste di iniziative di solidarietà rappresentando spesso un punto di riferimento importante nelle proprie comunità. Oltre 200 volontarie e volontari hanno attivato servizi di spesa a domicilio, hanno contribuito alla distribuzione delle mascherine sul territorio, hanno organizzato l’acquisto e la consegna di pacchi alimentari e hanno attivato sportelli di supporto telefonico di varia natura, per questioni psicologiche, legali, di lavoro, di salute, tempo libero. Tutto questo attraverso l’autorganizzazione volontaria e sempre al servizio della comunità e del territorio.

 

𝗦𝗔𝗟𝗩𝗔 𝗜 𝗖𝗜𝗥𝗖𝗢𝗟𝗜. 𝗣𝗔𝗥𝗧𝗘𝗖𝗜𝗣𝗔 𝗔𝗟𝗟𝗔 𝗠𝗢𝗕𝗜𝗟𝗜𝗧𝗔𝗭𝗜𝗢𝗡𝗘!

È proprio per rivendicare fortemente il nostro ruolo nella società che abbiamo deciso di dare vita alla campagna “Salva i Circoli. Fai la tua parte”: una vera e propria mobilitazione per salvare le Case del Popolo!

  • Martedì 16/03 partiremo con la campagna con le affissioni per le strade e nelle piazze e sui social media. Questa azione ha l’obiettivo di realizzare una comunicazione di massa per sensibilizzare la popolazione sui problemi e sulle discriminazioni che stanno affrontando i Circoli. Per questa iniziativa abbiamo bisogno dell’aiuto di tutt*, che diffondiate e condividiate tutti i contenuti della campagna e che potete trovare sui profili Facebok e Instagram di Arci Firenze;
  • Sabato 20/03, h. 18:30, Diretta Facebook dai Circoli per dare voce alle Case del Popolo e raccontare la loro situazione attuale;
  • Sabato 27/03, in concomitanza con la tanta sbandierata riapertura dei teatri e dei cinema, organizzeremo una mobilitazione per dimostrare che anche i nostri Circoli possono rispettare esattamente gli stessi protocolli che il governo prevede per i teatri, cinema e live club. Non accetteremo un’ulteriore discriminazione sulla possibilità di organizzare spettacoli teatrali, concerti e cinema; noi possiamo rispettare esattamente le stesse regole per fronteggiare la pandemia da Covid19 e per questo esigiamo pari trattamento e rispetto per il nostro ruolo nella promozione culturale.

 

𝗨𝗡 𝗢𝗕𝗜𝗘𝗧𝗧𝗜𝗩𝗢 𝗖𝗢𝗡𝗖𝗥𝗘𝗧𝗢: 𝗜𝗟 𝗙𝗢𝗡𝗗𝗢 𝗗𝗜 𝗠𝗨𝗧𝗨𝗢 𝗦𝗢𝗖𝗖𝗢𝗥𝗦𝗢 𝗗𝗘𝗜 𝗖𝗜𝗥𝗖𝗢𝗟𝗜 𝗔𝗥𝗖𝗜

Ma tutto questo non è sufficiente. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di tutt° per costituire il Fondo di Mutuo Soccorso delle Case del Popolo – FMS. Il FMS sarà un fondo rotativo che rifacendosi alle radici solidaristiche e mutualistiche della storia dell’Arci servirà per poter garantire un credito autorganizzato, dal basso e senza interessi per le nostre associazioni. Attraverso questo Fondo si potrà garantire l’accesso al credito necessario alla ripartenza dei nostri Circoli e per poter sviluppare attività ed iniziative. L’importanza del FMS non si esaurirà sono per il periodo post-Covid19, ma rimarrà come strumento permanente di ausilio per i Circoli che ne avranno bisogno. Maggiore è la cifra che riusciremmo a mettere insieme e maggiore sarà il numero dei Circoli che ne potranno usufruire.

Grazie ai prestiti sociali del FMS ogni Circolo potrà ottenere la liquidità necessaria a far fronte alle spese correnti e a ripartire. Senza il FMS molte Case del Popolo rischiano di non farcela!

Qui potete trovare il Regolamento del FMS!

 

𝗨𝗡 𝗠𝗢𝗡𝗗𝗢 𝗦𝗘𝗡𝗭𝗔 𝗖𝗔𝗦𝗘 𝗗𝗘𝗟 𝗣𝗢𝗣𝗢𝗟𝗢?

I Circoli sono la nostra vita, il nostro mondo, la nostra storia. Non possiamo permettere che scompaiano. Senza i Circoli siamo più poveri di tante bellissime cose: socialità, solidarietà, amicizia, fantasia, creatività, supporto reciproco. Ecco il perché di questa raccolta fondi: vogliamo che tutti i Circoli abbiano uno strumento per far fronte alla crisi economica determinata dalla pandemia e da ormai più di un anno di chiusure. Per questo ogni piccolo o grande contributo è fondamentale per noi e saremo infinitamente grati a chi ci darà una mano affinché tutte le Case del Popolo possano continuare a vivere e ad animare la quotidianità dei nostri paesi, quartieri e città!

I circoli rischiano di chiudere, che è un po’ come tornare a casa e non trovarla più.

𝙎𝘼𝙇𝙑𝘼 𝙄 𝘾𝙄𝙍𝘾𝙊𝙇𝙄. 𝙁𝘼𝙄 𝙇𝘼 𝙏𝙐𝘼 𝙋𝘼𝙍𝙏𝙀

*

 

X