Settembre, 2019

Ordinamento

24Set20:30Chianti classico gran selezione // Degustazioni 2019Al circolo Antella nuovo appuntamento con le degustazioniAntella CRCEvento organizzato da: Antella CRC

25Set20:30- 23:50GiocoZonaAppuntamento settimanale col gioco libero allo spazio exfilaExfilaEvento organizzato da: GiocoZona

26Set18:30Shu'fat. Incubatrice di sogniAl Girone iniziativa a sostegno del progetto di cooperazione internazionale di Arci Firenze Circolo RIcreativo Culturale Il GironeEvento organizzato da: Arci Firenze

27Set22:00Alfredo Garcia y Las Fridas + The Cogs!Al Progresso un doppio concerto a base di garage, punk, rock'n roll, blues lo-fi!Casa del Popolo Il ProgressoEvento organizzato da: La Chute

28Set18:00Animali con passato // Arte AccatenaAlla Montanina inaugura la personale di Daniele NanniniCasa del Popolo La Montanina di MontebeniEvento organizzato da: Casa del Popolo La Montanina di Montebeni

28Set21:00Ballo a TripetetoloTutti i sabato ballo liscio e da salaCircolo Arci "Le Due Strade" TripetetoloEvento organizzato da: Circolo "Le Due Strade" Tripetetolo

Benvenuti sul sito di Arci Firenze
 

La presidente di Arci nazionale Chiavacci, sulla Sea Watch: si facciano sbarcare, i problemi si risolvono a Bruxelles, non sui social

“Si facciano sbarcare subito i 42 migranti, deve rimanere prioritaria l’emergenza umanitaria”. Lo chiede la presidente nazionale dell’Arci, Francesca Chiavacci, in merito alla situazione della nave della ONG Sea Watch di fronte al porto di Lampedusa. “La capitana della nave – continua – ha fatto quanto era nelle responsabilità del suo ruolo di comandante: portare in salvo delle vite salvate in mare. Siamo al paradosso, si tengono lontano 42 profughi e nelle stesse ore ne sbarcano nel silenzio altri 44. C’è in corso una violenta e sproporzionata guerra del Governo contro le organizzazioni umanitarie. Di fronte alla sofferenza di tanta gente – sottolinea – appare tremendo il comportamento di un Ministro, il silenzio del presidente del Consiglio e la sproporzione di un apparato di sicurezza mobilitato. È vero che l’UE non ha agito come avrebbe dovuto, ma le inadempienze della politica comunitaria non può ripercuotersi con atteggiamenti crudeli contro dei disperati. Il Ministro competente farebbe bene a battere i pugni nelle sedi proprie, cioè a Bruxelles, non in video messaggi contro una giovane donna al comando di una nave umanitaria. Si facciano sbarcare – rimarca – e si accolga la disponibilità di chi si è offerto ad accoglierli. L’Arci – conclude – sarà presente in tutte le manifestazioni promosse in tutta Italia per chiedere il rispetto dei principi costituzionali e dei diritti umani”.

X